[Date Prev][Date Next] [Thread Prev][Thread Next] [Date Index] [Thread Index]

Re: Java ... che pesantezza ...



Non intendevo dire in questo senso, ma se sai programmare in java il passo è breve per implementare il tuo programma su un'altro sistema operativo (compreso palmari, cellulari (non sempre :-( ), etc... anche sul mio robot della DeAgostini!). Vedi il discorso che segue all'email originale.

ciao,

Roberto


Il giorno 28/mag/05, alle 15:25, v0n0 ha scritto:

Roberto wrote:

Sapete che cosa ha di buono Java? ---> Impara Java e ti muovi dove vuoi!

Mah, io direi impara C++ e ti muovi dove vuoi...in Java non ci sono
ereditarietà multipla, problemi con l'allocazione di memoria o di
creazione di garbage ecc. ecc. si potrebbe andare avanti un'infinità! E
poi vorrei vedere la differenza di difficoltà tra il correggere un
errore dopo un segmentation fault oppure dopo una Runtime Exception!
Avendo programmato in C++, Java, Python direi:
- C++: sistemi operativi, applicazioni ad uso intensivo di memoria e
processore, applicazioni per sistemi a tempo reale (con parti in assembly)
- Java: applicazioni web, dedicate alla sicurezza e varie boiate da
installare sui cellulari ;) (comunque che non pretendano troppe risorse)
- Python: calcolo numerico
Quello che apprezzo del C++: grande flessibilità e POTENZA, il
linguaggio per fare qualsiasi cosa (solo però per i programmatori
esperti...ciao Microkoz!)
Quello che apprezzo del Java: sintassi definita univocamente (maiuscole,
minuscole ecc.), grande attenzione alla sicurezza e portabilità buona
Quello che apprezzo del Python: semplicità disarmante, portabilità
ottima, librerie matematiche molto buone

--
Alessandro Dal Grande
Student In The University Of Padua - Computer Science
Linux Registered User #359258
System: GNU/Linux Debian Sid Pure64 on K8@3200
Kernel: 2.6.8-11-amd64-k8
Mail: Thunderbird
Chat: Kopete (ICQ) 150487234

Put the fan back into computing





Reply to: