[Date Prev][Date Next] [Thread Prev][Thread Next] [Date Index] [Thread Index]

Re: City of Turin decides to ditch Windows XP for Ubuntu and €6m saving






----- Messaggio originale -----
> Da: "franchi@modula.net" <franchi@modula.net>
> A: debian-italian <debian-italian@lists.debian.org>
> Cc: 
> Inviato: Lunedì 15 Settembre 2014 16:28
> Oggetto: Re: City of Turin decides to ditch Windows XP for Ubuntu and €6m saving
> 
> Il 15/09/2014 14:29, Marco Bertorello ha scritto:
>>  Il 13 settembre 2014 12:05, dea <dea@corep.it> ha scritto:
>>>  Cambiare sistema è sempre un problema, gli utenti vanno nel pallone
>>  Permetto di dissentire. Gli utenti imparano la nuova procedura. I
>>  subnormali vanno nel pallone
>> 
> Prima di introdurre un sistema, c'è una analisi organizzativa a monte: 
> se l'organizzazione di cui vai a sostituire i sistemi poi non riesce a 
> utilizzarli, o li utilizza male, ho fatto un errore di valutazione 
> piuttosto grave.
> 
> Non importa se la sostituzione è win2lin o lin2win: è l'atteggiamento 
> mentale che secondo me va cambiato.
> 
> Non posso dire: migro lin2win o win2lin e quello che non va è colpa 
> degli utenti a prescindere: se propongo un cambiamento e questo 
> cambiamento viene commissionato, devo essere sicuro di portarlo in 
> fondo, con il materiale tecnico e umano che ho a disposizione. Fra 
> l'altro nelle amministrazioni pubbliche - immagino anche a Torino - ci 
> sono molti dipendenti assunti dalle categorie protette e certi termini 
> potrebbero anche suonare leggermente offensivi.
> 
> Se è un utente singolo e ho preso una cantonata faccio presto: in un 
> giorno torno indietro e amen.
> 
> Se ho 8500 utenti (e magari un centinaio di server, e archivi storici 
> che risalgono anche a più di 20 anni fà e che devono rimanere 
> accessibili) i margini di errore sono veramente ridotti: se le cose non 
> vanno succede un putiferio e non so se poi potrò convincere capi, 
> vice-capi e sotto-capi che la colpa è dei loro sottoposti  - ammesso e 
> non concesso che veramente lo sia.
> 

Ragionassimo tutti così vivremo ancora nelle caverne.


Reply to: